logo-sito

slide-27 slide-20 slide-21 slide-22 slide-23 slide-24 slide-25 slide-26 slide-28 slide-29 slide-30 slider-31 slide-32
slide-30.jpg

I Luoghi della Colombaia

 

La parte rimanente è stata divisa con tramezzature a tutta altezza allo scopo di ricavare un ampio locale disimpegnato rispetto alla scala di accesso al livello superiore e dal quale mediante cinque gradini, ricavati modificando presumibilmente una originaria apertura, si accede al primo livello dell’ala destra del complesso.
Risulta facile intuire che con la trasformazione di altra apertura sul lato est della torre si sia creata la comunicazione tra questo livello e l’ala sinistra e cioè con gli ambienti che presentano sul prospetto nord le ampie finestre ad arco acuto e l’assurda porticina (oggi tompagnata) che immetteva nelle rampe in ferro della scala ancora esistente, creata per un rapido collegamento col piano terra.

Superata una rampa di scale compresa fra la parete della torre e un tramezzo che la racchiude si arriva al secondo livello. Questo ha le stesse caratteristiche del primo. In esso si trovano la finestra che ha permesso l’entrata, una finestra che si affaccia sul prospetto principale e un’altra che da sul cortile destro.
Tramite una scala di cui ogni gradino è formato di due blocchetti di calcarenite incastrato a muro si accede al terzo livello. Questo ha una copertura del tipo a

    

volta stellare costonata

con delle nervature che si dipartono da ogni angolo dell’ottagono e convergono al centro di esso.

Un’altra

scala

che si sviluppa dentro uno stretto budello, coperto da mensoloni di calcarenite, consente di raggiungere la sommità della torre.

In epoca posteriore è stato realizzato un posto si osservazione della stessa forma della torre (ottagonale) contenente all’interno una scala a chiocciola che permette l’accesso alla sommità estreme della torre ove è collocata un’antenna che serviva da rice-trasmittente.

al posto della lanterna

I Luoghi della Colombaia

 

La parte rimanente è stata divisa con tramezzature a tutta altezza allo scopo di ricavare un ampio locale disimpegnato rispetto alla scala di accesso al livello superiore e dal quale mediante cinque gradini, ricavati modificando presumibilmente una originaria apertura, si accede al primo livello dell’ala destra del complesso.
Risulta facile intuire che con la trasformazione di altra apertura sul lato est della torre si sia creata la comunicazione tra questo livello e l’ala sinistra e cioè con gli ambienti che presentano sul prospetto nord le ampie finestre ad arco acuto e l’assurda porticina (oggi tompagnata) che immetteva nelle rampe in ferro della scala ancora esistente, creata per un rapido collegamento col piano terra.

Superata una rampa di scale compresa fra la parete della torre e un tramezzo che la racchiude si arriva al secondo livello. Questo ha le stesse caratteristiche del primo. In esso si trovano la finestra che ha permesso l’entrata, una finestra che si affaccia sul prospetto principale e un’altra che da sul cortile destro.
Tramite una scala di cui ogni gradino è formato di due blocchetti di calcarenite incastrato a muro si accede al terzo livello. Questo ha una copertura del tipo a

    

volta stellare costonata

con delle nervature che si dipartono da ogni angolo dell’ottagono e convergono al centro di esso.

Un’altra

scala

che si sviluppa dentro uno stretto budello, coperto da mensoloni di calcarenite, consente di raggiungere la sommità della torre.

In epoca posteriore è stato realizzato un posto si osservazione della stessa forma della torre (ottagonale) contenente all’interno una scala a chiocciola che permette l’accesso alla sommità estreme della torre ove è collocata un’antenna che serviva da rice-trasmittente.

al posto della lanterna

Appello

Possiedi foto, quadri, filmati, documenti o ricordi che riguardano la Colombaia?
Contatta il Luigi Bruno - Presidente dell'Associazione Salviamo la Colombaia - Cell. 339/8002539
oppure invia una segnazione tramite mail dalla pagina dei contatti sul nostro sito.